Vip gay, come vengono scelte le coperture

Home » Cultura Gay » Vip gay, come vengono scelte le coperture
Spread the love

Vip gay, come vengono scelte le coperture Cultura Gay Primo Piano

Parliamo di coperture e di vip gay. Odiamo andare a rimestare nel torbido, ma è bene che alcune cose vengano dette, al fine di eliminare un po’ di quella patina di ipocrisia ampiamente spennellata sul tema. Le coperture sono una realtà esistente e tutta in salsa pr, come parte della gestione di immagine di un personaggio famoso.

Purtroppo la società è quello che è e richiede spesso e volentieri delle immagini femminili e maschili molto stereotipate. Poco importa se una lesbica non è meno femminile perché tale e gay non vuol dire effemminato. Certi pregiudizi sono comunque duri a morire.  Ad ogni modo sono due essenzialmente le strade intraprese da management e pr in questo caso: la prima vede l’utilizzo di persone realmente vicine al vip omosessuale con la quale lo stesso (o la stessa) possono interagire facilmente ed a proprio agio (tranne in alcuni sfortunati casi quando le relazioni interpersonali si logorano, N.d.R.) anche per un lungo periodo di tempo, o l’utilizzo (di comune accordo per motivi di visibilità, N.d.R.) di altre persone famose facenti parte dello stesso management.

In entrambi i casi potremmo farvi diversi esempi che ovviamente non produrremo per rispetto delle persone coinvolte perché come ripetiamo sempre crediamo alla cultura del coming out e non a quella dell’outing. Riconoscere una copertura (o beards se vogliamo utilizzare il termine anglosassone, N.d.R.) non è difficile. Poche foto private opportunamente organizzate (appaiono poco naturali, N.d.R.), immagini raccolte dai paparazzi in luoghi famosi e frequentatissimi, non adatti ad una coppia che vuole frequentarsi assaporando i propri momenti,  fotografie scattate all’uscita o all’entrata di alberghi e ristoranti ad orari e situazioni improponibili. Non solo, la presenza delle suddette persone quasi sempre si verifica solo ad eventi pubblici e di un certo spessore e difficilmente in altro contesto. Quando accade è possibile notare il vago disagio ( a meno di veri buoni rapporti presenti, N.d.R.) del vip coinvolto.

Leggi ora  Monsignor Serafino Sprovieri: "I trans? Un’offesa alla natura"

Anche il linguaggio del corpo non mente, fateci attenzione. Presto vi parleremo anche di questo aspetto.

Photo Credit | Getty Images