Bisessualità e mondo dello spettacolo, rapporto odio-amore

Home » Cultura Gay » Bisessualità e mondo dello spettacolo, rapporto odio-amore
Spread the love

Bisessualità e mondo dello spettacolo, rapporto odio-amore Cultura Gay Primo Piano

Bisessualità e mondo dello spettacolo. Chiedersi in quali termini questi due termini siano è più che lecito. Vogliamo iniziare con la bisessualità perchè in questo mondo così assurdo tutto ciò che si avvicina in qualche modo alla parola “etero” è quasi sempre più accettato rispetto a ciò che riporta il suffisso “omo” o “gay“. Secondo noi vi è un rapporto odio amore tra mondo dello spettacolo e bisessualità.

Amore, lo ripetiamo, perchè per pr, agenti, e tutte queste persone che del mondo patinato gestiscono gli affari, quasi sempre è più facile vendere come “prodotto” la persona alla quale sono dedicati (a prescindere dal sesso di appartenenza, N.d.R.) se si avvicina all’ideale fasullo di normalità dato dall’aggettivo “etero“. E’ inutile prendersi in giro: il mondo è arretrato e non poco e lo stardom è forse l’ambiente che più risente di questo atteggiamento retrogrado ed inutile. Ad ogni modo di solito la bisessualità, specialmente se riguarda i ragazzi e le ragazze più giovani viene vista come una caratteristica interessante, da poter sfruttare a proprio piacimento. L’unico “ambiente” dove sembra non pagare la bisessualità sembra essere il cinema.

Sono diverse infatti le correnti di pensiero su come in generale la sessualità venga gestita dai registi e notoriamente le persone bisessuali (c’è da capire ancora perchè, N.d.R.) vengono considerate poco credibili e per assurdo sia nell’interpretare ruoli etero che gay, a differenza che in televisione dove almeno negli Stati Uniti, se una persona ha fatto coming out come bisessuale è giustamente considerata credibile a prescindere da tutto.

Leggi ora  Born This way: fotoblog dimostra che gay si nasce

Ma attenzione, c’è anche il risvolto “odio” della medaglia. Se il comimg out avviene prima del successo, ben venga. Se si ha intenzione di farlo dopo, o lo si fa dopo, beh, la vita è tutt’altro che facile per gli artisti, perchè quasi mai i pr ed il management sono in grado di gestire correttamente la situazione e le coperture spuntano come funghi nell’erba.