Ricky Martin: “Detestavo quando cercavano di obbligarmi ad ammettere di essere gay”

di Marziano Commenta

 Ricky Martin durante una lunga intervista al The Guardian ha parlato ancora una volta del suo coming out. Il cantante ha ammesso che le numerose persone che gli chiedevano delucidazioni sulla sua sessualità lo facevano stare male:

E’ un processo che ognuno deve compiere per proprio conto. A volte se stai zitto, ti senti molto solo. Dopo il coming out scopri tutta la comunità LGBT che ti riempie di amore. Detestavo quando cercavano di obbligarmi ad ammetterlo. Era molto doloroso, anzi ottenevo l’effetto opposto.

Il bel portoricano ha un piccolo rimpianto quando parla del tempo che ha perso nel compiacere gli altri:

Se avessi passato davanti a un pianoforte un quarto del tempo che ho passato a manipolare la mia sessualità, oggi sarei il pianista migliore del mondo… Quello che la gente si aspettava da me non era quello che ero. Mi sono costretto a credere che quello che volevano loro potesse essere la mia verità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>