Glee e convivenza: riflessioni sulla coppia gay

Home » Primo Piano » Glee e convivenza: riflessioni sulla coppia gay
Spread the love

Glee e convivenza: riflessioni sulla coppia gay Primo Piano Televisione Gay

La quinta stagione di Glee si è conclusa ieri e ci viene spontaneo riflettere su come in questa stagione sia stata rappresentata la coppia gay del programma, la Klaine. Il duo formato sul piccolo schermo da Chris Colfer e Darren Criss mai come questo anno è stata esplorato in tutte le situazioni possibili. La convivenza è stata una di esse.

C’è chi sicuramente obietterà che la maggior parte è avvenuta fuori dallo svolgimento dell’episodio tenendo conto dei salti temporali. Beh, si è visto quanto basta calcolando che il telefilm va in onda su un network repubblicano come la Fox. E basta anche a noi per comprendere che per una volta, per quanto a molti fan non abbia fatto piacere, si è tentato di riprodurre nella normalità una giovane coppia che per arrivare alla naturale conclusione delle cose, è dovuta passare attraverso tante piccole grandi prove. Nel “braccio newyorkese” della stagione di Glee appena conclusasi Kurt e Blaine hanno litigato molto, ma molto sono cresciuti nella comprensione di se stessi e dei loro “problemi”. Come spesso qualsiasi coppia normale fa. A prescindere dal proprio orientamento sessuale. E tra mille doppi standard ed elefanti rosa nascosti nelle stanze, va detto che con gli script loro dati, Darren Criss e Chris Colfer come sempre sono riusciti a far fiorire tutto ciò nel migliore dei modi, emozionando e rendendo tangibile la normalità di una convivenza, recuperata nell’ultimo episodio, che ci soddisfa di più di quella intravista a metà stagione perché consapevole e priva di egoismo.

Leggi ora  The Joy of Sex Teen: l'educazione sessuale per i govani gay inglesi