Trieste: bomboniere per unioni gay

Home » Lifestyle Gay » Trieste: bomboniere per unioni gay
Spread the love

Trieste: bomboniere per unioni gay Lifestyle Gay In attesa (e nella remota eventualità) che, anche in Italia, si riconoscano le unioni civili tra persone dello stesso sesso, due donne di Trieste si sono portate avanti col lavoro, commissionando delle bomboniere pensate appositamente per la clientela gay.

Accanto ai tradizionali ricordi del battesimo, cresima, il negozio Blu di Galleria Protti, in pieno centro cittadino, espone veri e propri oggettini per rendere ancora più speciale il giorno delle future nozze gay. Ma come è nata un’idea così fantascientifica? L’iniziativa promossa da Gabriella Donna e dalla sua socia Desiree Cerne, ha raccolto il parere favorevole di Danilo Slokar, esponente leghista e marito di una delle due donne (Fonte Il Piccolo di Trieste):

Stiamo pensando a una vera e propria convenzione, che coinvolga gli avvocati e culmini in una festa finale perchè seppure in un momento difficile delle propria esistenza è indubbio che almeno una delle due parti sia felice della situazione che si è venuta a creare… Quanto alle bomboniere credo che questo sia il momento giusto. La logica della famiglia cosiddetta allargata è accettata comunemente e si ha difficoltà, ormai, a scandalizzarsi per qualsiasi cosa… Penso a una Trieste novella Las Vegas, con i dovuti limiti. Una città, insomma dove venire appositamente per sposarsi. Le attrattive, obiettivamente, non ci mancano, e per questo credo sia una carta da giocare tutta, sul fronte del turismo.

Leggi ora  Repubblica Ceca, un catalogo per ricchi clienti gay