Studio in Armenia per conoscere il grado di omofobia nella popolazione

Home » Omofobia » Studio in Armenia per conoscere il grado di omofobia nella popolazione
Spread the love

Studio in Armenia per conoscere il grado di omofobia nella popolazione Omofobia Sondaggi Lgbt

L’organizzazione Información para el Conocimiento ha effettuato in Armenia uno studio per conoscere il livello di omofobia all’interno della popolazione, riportando la partecipazione di 1.156 persone: il 52% della popolazione crede ancora che l’omosessualità sia curabile, mentre il 9,7% degli armeni afferma che si tratta di genetica, mentre un 8,7% crede che la causa dell’omosessualità provenga da ormoni o addirittura dal numero dei cromosomi.

In particolare, il 18,6% ha sostenuto che l’omosessualità sia una malattia, il 12,7% ritiene che l’orientamento sessuale sia collegato con l’Occidente, il 10,8% crede che l’omosessualità sia causata da inadeguata educazione e il 9,9% sostiene che essere gay sia sintomo di mancanza materia o paterna.

Lo studio ha rivelato che solo l’11,5% della popolazione è a favore della comunità LGBT, ma il risultato più rilevante è che il 72,1% dei cittadini dell’Armenia è disposto a socializzare con le persone gay, bisessuali e transgender, mentre il 10,9% della popolazione interessata che siano altri ad avere rapporti con la comunità LGBT.

Infine, non c’è da dimenticare che il 10,6% dei cittadini sia preoccupato per la presunta “diffusione dell’omosessualità” nel Paese, mentre il 6,4% pensa che l’omosessualità debba essere condannata.

Leggi ora  Povia contro i gay: "Se siete nati così non è colpa mia"