Stati Uniti, petizione contro l’esclusione dei gay nei boy scout

Home » GLBT News » Stati Uniti, petizione contro l’esclusione dei gay nei boy scout
Spread the love

Stati Uniti, petizione contro l’esclusione dei gay nei boy scout GLBT News Omofobia

Una madre lesbica in Ohio, Stati Uniti, sta raccogliendo firme per una petizione che chiede ai Boy Scouts of America a invertire la sua posizione in merito all’esclusione di gay e lesbiche dall’organizzazione: a Jennifer Tyrrell era stato detto che non poteva più essere la leader dell’organizzazione a causa della sua omosessualità, ma lei non ci sta.

I Boy Scouts of America nel 1991 affermavano che l’omosessualità è incompatibile con il Giuramento Scout Scout, che non può essere moralmente retta nella Legge Scout Scout che si basa sulla pulizia in parole e opere.

La Promessa Scout infatti recita:

Sul mio onore farò del mio meglio per fare il mio dovere verso Dio e il mio paese e per obbedire alla Legge Scout, per aiutare gli altri in ogni momento, per tenermi forte fisicamente, mentalmente sveglio, e moralmente retto.

Nel 2010 a Philadelphia, in una causa in tribunale sul divieto dei gay nelle organizzazioni private, si sosteneva che le organizzazioni fossero nel loro pieno diritto di escludere le persone sulla base dell’orientamento sessuale; il mese scorso la città è stata condannata a pagare quasi 900.000 dollari in spese legali per aver perso la causa.

 

Leggi ora  X Factor UK 6, Joe McElderry nuovamente vittima di omofobia su Twitter