L’omofobia nella politica italiana, come sradicarla?

di Valentina Cervelli Commenta

L’omofobia nella politica italiana è una realtà. Nessuna demagogia e nessun giro di parole. Esiste ed è purtroppo un dato di fatto. L’unica cosa che deve essere fatta è capire perché sia così radicata e come fare per sradicarla da un contesto dove i diritti di tutti dovrebbero essere tutelati.

Omofobia nella politica italiana, perché esiste

Quando ci si trova davanti allo snaturamento di un disegno di legge interessante come quello contro l’omofobia la prima reazione è quella di sdegno, la seconda è una arrabbiatura sostanziale. Soprattutto davanti ad alcuni personaggi, dei quali non faremo nome, che sostengono che “sì la legge va fatta” ma ” attenti a non condannare la gente per un’opinione“. Se è un sogno svegliateci, perché davvero non pensavamo di udire o vedere scritte queste parole. L’omofobia un’opinione? Non fa ridere nemmeno come scherzo. L’omofobia è un problema serio, un comportamento deviato di buona parte della società che sostiene che vada bene picchiare la gente, perseguitarla ed additarla perché prova amore per una persona del suo stesso sesso. Ecco cosa è l’omofobia nella sua espressione più semplice. E’ una delle espressioni, citando Goya, del “sonno della ragione”. L’odio e la violenza non possono essere considerate una opinione.

Eppure nella politica italiana succede anche questo. E  nulla cambia. Perché dove non arriva la xenofobia oltre che il razzismo, arriva la religione o meglio, i predicatori delle religioni, che sostengono l’omosessualità  sia peccato quando, bontà loro e dei loro testi sacri, lo è anche mangiare i crostacei e dire bugie. Eppure crociate contro queste due cose non ne vengono mai fatte. E la politica, per godere di alcuni privilegi, mette da parte i diritti a favore dei “favori”. Un quadro davvero triste.

Omofobia nella politica italiana, come sradicarla

E’ un lavoro duro ed a lungo termine, ma il miglior modo per tentare di sradicare dalla politica italiana rimane quello dell’informazione, della volontà di non far mai smettere di sentire la propria voce. L’unico mezzo è proprio l’amore, e dimostrare che non vi è niente di diverso da quello eterosessuale. Non vi dovrebbero essere distinzioni. Ricordate e ricordatelo a tutti: l’amore non conosce genere.

Photo Credit | Getty Images

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>