Io canto: truccatrice trans cacciata perchè il suo aspetto turbava i bambini

Home » GLBT News » Io canto: truccatrice trans cacciata perchè il suo aspetto turbava i bambini
Spread the love

Io canto: truccatrice trans cacciata perchè il suo aspetto turbava i bambini GLBT News Televisione Gay Sospesa dal suo incarico di truccatrice perché trans. È successo ad una donna di 38 anni di Milano, il fattaccio è accaduto all’interno della trasmissione televisiva Io Canto, programma che ospita baby talenti dalle ugole d’oro. Da tempo la protagonista della vicenda sognava di cambiare definitivamente sesso: il suo desiderio si è avverato un anno fa quando è diventata una donna a tutti gli effetti.

Oltre alla trasformazione da uomo a donna, poco è cambiato nella vita della vittima che ha subito la discriminazione: ha continuato a lavorare a Mediaset come truccatrice in programmi di successo come Chi vuol essere milionario e la prima edizione di Io canto (solo per citare i più recenti). Evidentemente qualcosa è cambiato dall’ultima edizione del programma fotocopia di Ti lascio una canzone, perché con l’inizio della stagione numero due la sua presenza non è stata più gradita. A Spiegarlo è la stessa trans dalle pagine di Libero:

Tutto è iniziato lunedì. Seguivo le prove di Io Canto, che sarebbe iniziato il giorno successivo. Mi presento puntualissima alle 10, l’orario della convocazione. Qualcuno evidentemente ha notato la mia presenza e dopo un paio di ore vengo chiamata dai miei responsabili. “La tua immagine turba i bambini”, mi dicono, “sei rimossa”. Incredibile: tutte le mie colleghe sono state solidali. Io non vado in giro con le piume o con le parrucche. Sono sempre sobria. Avrei dovuto truccare i bambini, che sono una minoranza, e tutto il resto del cast artistico, ma invece nulla: mi comunicano che sarei stata spostata a un’altra produzione, Velone, per coprire il buco.

La donna ha spiegato che non intende fare causa alla produzione del programma. Quello che desidera è semplicemente mettere alla luce l’ipocrisia e l’intolleranza presenti nel nostro paese:

Me ne sto buona, non ho nemmeno parlato della cosa all’azienda, non si può piacere a tutti. L’importante è che si capisca cosa succede al giorno d’oggi, nel 2010. Bisogna fare capire che la sessualità non influisce sulla professionalità. È squallido che vengano usati i bambini come scusa. L’Italia, a quanto pare, non è preparata per il diverso.

La sospensione della truccatrice  è dovuta ai malumori di alcuni genitori dei bambini che partecipano al programma. È strano pensare che questi ultimi consentano ai loro pargoli di esibirsi davanti al pubblico come scimmiette ammaestrate, facendoli fare cose che nella vita reale non farebbero. Ottimo esempio di moralità.

Leggi ora  Atlanta: ladri svaligiano casa ad anziano omosessuale