Elton John, concerto in Russia contro l’omofobia

Home » Omofobia » Elton John, concerto in Russia contro l’omofobia
Spread the love

Elton John, concerto in Russia contro l'omofobia Omofobia Primo Piano

Elton John non si tira indietro. Il cantante, come previsto, il prossimo 6 dicembre terrà un concerto in Russia a sostegno di tutti i gay perseguitati nel paese asiatico e contro l’omofobia. Una decisione ponderata e forte, in un momento come questo dove migliaia di persone sono maltrattate e perseguite solo per la loro sessualità.

La voce di Elton John non è una di quelle che possono zittite. La sua posizione, la sua carriera, il suo impegno nella causa omosessuale parlano per lui. E in tutta sincerità non avevamo dubbi sul fatto che non sarebbe rimasto a guardare davanti all’omofobia di stato dilagante in Russia, che non ci stancheremo mai di ripetere somiglia dannatamente all’atteggiamento del nazismo nei confronti delle minoranze e delle persone di religione ebraica. Come commenta lui stesso al Guardian:

Ci sono due strade di pensiero: non consenti a nessuno di andare in Russia? Così però lasci davvero soli gli uomini e le donne gay costretti a patire le leggi anti gay in isolamento. Come gay, non posso lasciare sole queste persone senza  andare lì e offrire loro il mio sostegno. Non so cosa accadrà, ma devo andare.

Elton John è sposato con David Furnish dal 2005 ed è padre di due bambini nati da una madre surrogata. E non ha paura di sostenere, come già hanno fatto Madonna e Lady Gaga, la causa LGBT. Anche sul suolo russo. E parliamoci chiaro: come pensano di zittire una voce forte come la sua? Mettendolo in carcere? Impedendogli di entrare sul suolo russo? Fino a dove può arrivare a spingersi questa omofobia palese russa, politica e religiosa prima che qualcuno a livello mondiale, non chieda “il conto” mettendo sul piatto della bilancia i diritti umani?

Leggi ora  Brad Pitt difende i matrimoni gay

Onestamente ci chiediamo ancora perché non sia già successo. Nel frattempo non possiamo fare altro che apprezzare ancora di più il baronetto londinese e la sua presa di posizione.

Photo Credit | Getty Images