Robbie Williams a rischio arresto in Russia

di Valentina Cervelli Commenta

Robbie Williams rischia di essere arrestato in Russia. Ad aprile è previsto un suo concerto nello stato asiatico: riuscirà a tenerlo senza incorrere in problemi legali? La motivazione? Si è dichiarato gay al 49% in passato.

robbie williams

Robbie Williams ha sempre preso allegramente le voci circolanti sulla sua vita privata e non ha mai, giustamente, contrastato il gossip girato sulla sua sessualità avendola sempre vissuta confortevolmente. Le sue dichiarazioni sull’essere gay al 49% potrebbero però metterlo nei guai nell’omofoba Russia. Ecco cosa dichiarò a suo tempo:

Voglio bilanciare le parti. Sono una persona etero che finge di essere gay. Ho avuto un sacco di persone da imitare. E’ facile quando si è britannici, siamo eccessivi per natura, in ogni modo. Amo il teatro, i musical e un sacco di altre cose che sono spesso associate con i gay. Io sono il 49% omosessuale e, a volte fino al 50 per cento. Tuttavia, ciò vorrebbe dire che mi piace avere un particolare tipo di divertimento, ma questo non lo faccio.

A minacciare di arresto Robbie un deputato russo, Vitaly Milonov, lo stesso che ha concepito la legge contro i gay vigenti in Russia che ha fatto sapere.

Gli organizzatori dei concerti devono parlare con il cantante e dirgli che non deve fare una dichiarazione di sostegno verso gli omosessuali. Se lui ascolterà gli organizzatori, allora non dovremo arrestarlo.

Non è la prima celebrità minacciata dall’uomo politico. La vera domanda che ci poniamo è la seguente però: quando gli organismi internazionali come l’Onu decideranno di richiamare la Russia per il suo comportamento razzista?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>