Utero in affitto, Nichi Vendola risponde alle polemiche

di Valentina Cervelli Commenta

Nichi Vendola ha deciso di rispondere alle polemiche sorte attorno alla sua scelta di diventare padre grazie ad una madre surrogata. Tutti si sono sentiti in dovere di parlare di utero in affitto e giudicare la sua situazione. Il politico pugliese non le ha mandate a dire.

Purtroppo l’ignoranza italiana si sono espresse pienamente in questi ultimi giorni, pontificando in maniera più o meno volgare la nascita di Tobia Antonio, figlio di Nichi Vendola e del suo compagno Ed. C’è chi ne ha fatto una questione politica e chi invece ha espresso omofobia classica delle più abiette. Il politico ha risposto semplicemente attraverso un post su Facebook:

Non c’è volgarità degli squadristi della politica che possa turbare la grande felicità che la nascita di un bimbo provoca. Condivido con il mio compagno una scelta e un percorso che sono lontani anni luce dall’espressione “utero in affitto“.  Questo bambino è figlio di una bellissima storia d’amore, la donna che lo ha portato in grembo e la sua famiglia sono parte della nostra vita. Quelli che insultano e bestemmiano nei bassifondi della politica e dei social network mi ricordano quel verso che dice: “ognuno dal proprio cuor l’altro misura” (anche se capisco che citare Dante non faccia audience).

E non si può essere più d’accordo con la scelta di queste esatte parole. C’è chi tuona che con i soldi tutto è possibile. Vero. Chi vede i diritti negati in patria e può permetterselo agisce di conseguenza. Ma per noi che rimaniamo qui, non conviene spendere forze nella lotta per i diritti invece che nella polemica?

Photo Credit | Nichi Vendola Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>