Donazione libera di sangue per i gay?

di Valentina Cervelli Commenta

La Food and Drug administration propone che cada il divieto di donazione del sangue per i gay ed i bisessuali. Un tabù che cade finalmente? Non proprio visto che è prevista una particolare condizione.

Quale? E’ presto detto: i bisessuali e gli omosessuali potranno donare il sangue solo se potranno provare di non aver avuto rapporti sessuali per oltre un anno. Ogni qual volta ci soffermiamo a pensare su una delle leggi più idiote mai partorite sul suolo americano ci chiediamo davvero come possa essere ancora in piedi una decisione così razzista nel suo intimo. Non si parla nemmeno di sesso anale, visto che anche gli eterosessuali lo fanno e in quantità importante, ma proprio di penetrazione uomo-uomo.

Ora, è vero che le statistiche ci mostrano un incremento dei contagi da HIV nella comunità omosex negli ultimi anni, ma chiunque viene sottoposto a analisi specifiche prima di donare il sangue, non vi è promiscuità in questo: per quale motivo non equiparare tutte le sessualità. Ed un’altra domanda ci viene spontanea: ed i pansessuali? Sono pronti a discriminare anche loro queste leggi insensate? Il nostro paese per una volta sembra quasi essere all’avanguardia, sottolineando che deve astenersi dalla donazione per almeno 4 mesi chi ha avuto un rapporto a rischio,o che si sia trovato in possibile condizione di contagio da HIV, HCV e HBV.

Per una volta la discriminazione da sessualità l’abbiamo messa da parte. E va sottolineato che la FDA ha proposto la cancellazione del divieto basandosi su queste condizioni e non che sia stato raggiunto l’obiettivo. Secondo noi, purtroppo, la strada da percorrere sarà ancora molto lunga.

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>