“Se maltratti una donna sei un frocio”: la campagna omofoba del Cile contro le violenze domestiche

Home » Cultura Gay » “Se maltratti una donna sei un frocio”: la campagna omofoba del Cile contro le violenze domestiche
Spread the love

"Se maltratti una donna sei un frocio": la campagna omofoba del Cile contro le violenze domestiche Cultura Gay L’intento del governo cileno nel denunciare le violenze domestiche è meritevole, come del resto ogni campagna a favore delle minoranze. Purtroppo il risultato finale lascia parecchi dubbi. In tutte le principali città del paese campeggiano alcuni inquietanti manifesti, con il seguente slogan:

Se maltratti una donna sei un frocio.

Più che frocio chi maltratta le donne è un imbecille, uno che non ha le palle, ma non di certo un omosessuale. Anche perché le statistiche parlano chiaro: sono i mariti i maggiori responsabili delle violenze domestiche. A rigor di logica questi ultimi dovrebbero essere degli eterosessuali.

Purtroppo i manifesti contenti questo slogan non sono gli unici mezzi a veicolare il messaggio all’interno del Cile. In tv, gli spot che ribadiscono lo stesso concetto, impazzano ormai da tempo. Tanto per sottolineare ulteriormente l’idea (sbagliata).

Leggi ora  Eugena Roccella contro Lady Gaga: "Non è la testimonial giusta per l'Europride"