Rovigo: coppia gay riceve sconto per San Valentino

Home » Cultura Gay » Rovigo: coppia gay riceve sconto per San Valentino
Spread the love

Rovigo: coppia gay riceve sconto per San Valentino Cultura Gay Adriano Romanelli, presidente di Arcigay Rovigo, è stato protagonista di un episodio degno di nota. Nel giorno dedicato agli innamorati, l’uomo ha potuto usufruire di uno sconto per visitare Palazzo Roverella assieme al suo compagno (Fonte Corriere del Veneto):

Avevo letto la notizia degli sconti per gli innamorati così ho buttato lì la cosa alla ragazza all’ingresso, quasi scherzando. Lei, invece, molto gentilmente ha provveduto a farci l’ingresso scontato a metà prezzo, sottolineando che se stiamo insieme l’agevolazione ci spetta di diritto. La possibilità di dichiararsi coppia e di vedersi riconosciuti come tale è stata una grande soddisfazione per entrambi. Credo si tratti di un bell’episodio in un Paese molto spesso ancora diffidente nei confronti delle unioni di fatto. Potrebbe essere un’occasione per riaprire una riflessione con l’amministrazione comunale su questo tema e vedere se ci sono i margini per rilanciare l’ipotesi di un elenco delle unioni civili anche nella nostra città. Per farlo non servono sforzi straordinari, ma persone normali che prendano atto dell’esistenza di rapporti affettivi altrettanto normali, che non riguardano solo i cittadini di orientamento omosessuale. E da qui si potrebbe estendere alle altre città.

Ha aggiunto:

Siamo rimasti piacevolmente sorpresi, tanto che lo abbiamo raccontato a qualche amico la voce è corsa velocemente nei diversi circoli, tanto che ci siamo trovati nella mail diversi messaggi di felicitazioni da altri circoli Arcigay, alcuni storici come Bologna e Padova. Ma ci ha fatto particolare piacere quello ricevuto da Brescia, dove al contrario c’è una polemica in atto proprio perché il Comune ha contrastato apertamente l’accesso a ogni tipo di agevolazione per San Valentino alle coppie omosessuali, non solo nei musei ma addirittura in ambiti privati come bar o ristoranti.

E c’è chi ha già storto il naso, auspicando che l’iniziativa non si ripeta più come il segretario provinciale della Lega Nord, Antonello Contiero:

Per il biglietto, facciamo conto ci sia stata una svista mami viene quasi da pensare che questi fatti possano essere stati ricercati ad hoc, per riaprire un dibattito politico su questo tema. Sul punto la nostra linea è chiara: la famiglia è quella formata da una donna e da un uomo che, amandosi, mettono al mondo figli che garantiscono continuità alla società. Agevolazioni e sostegni vanno a questi nuclei, non ad altri.

Leggi ora  Madonna: “Il bullismo gay è come l’Olocausto”