Philadelphia, uomo uccide il compagno: “Era gay e la Bibbia mi ha detto di lapidarlo”

Home » Cultura Gay » Philadelphia, uomo uccide il compagno: “Era gay e la Bibbia mi ha detto di lapidarlo”
Spread the love

Philadelphia, uomo uccide il compagno: "Era gay e la Bibbia mi ha detto di lapidarlo" Cultura Gay GLBT News John Joe Thomas, di 28 anni, ha ucciso il proprio convivente settantenne colpendolo con una calza colma di pietre. L’omicidio è avvenuto ad Upper Darby, sobborgo di Philadelphia. Il ragazzo ha ammesso l’omicidio e anche la contorta causa. Murray Seidman, il convivente, gli rivolgeva, a suo parere, già da molto tempo esplicite avances sessuali e ciò l’infastidiva; ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la lettura da parte del giovane del Vecchio testamento nel quale John avrebbe trovato una giustificazione omofoba al suo folle intento omicida:

Era gay e la Bibbia mi ha detto di lapidarlo,

avrebbe dichiarato il giovane dopo la confessione. I reali rapporti che intercorrevano tra i due uomini non sono chiari. Ciò che invece balza subito all’occhio è che Thomas sapeva che, in caso di morte del compagno, lui sarebbe stato il solo beneficiario della sua eredità.

La polizia, una volta raggiunto il luogo del crimine, ha trovato il ventottenne in evidente stato di shock mentre urlava:

Non voglio entrare in casa. C’è troppo sangue!

L’omicidio, secondo il medico legale, sarebbe avvenuto ben dieci giorni prima del ritrovamento del cadavere. Thomas è accusato di omicidio di primo grado.

Leggi ora  Roma: attivista gay aggredito a sassate