Arabia Saudita: console gay chiede asilo politico agli Usa

Home » Cultura Gay » Arabia Saudita: console gay chiede asilo politico agli Usa
Spread the love

Arabia Saudita: console gay chiede asilo politico agli Usa Cultura Gay Ahmad Asseri, segretario al consolato dell’Arabia Saudita di Los Angeles, ha ricevuto il congedo dalla sua attività e lo stop per il rinnovo del passaporto. Il motivo? È gay.

L’uomo in seguito a quanto accaduto ha deciso di chiedere asilo politico agli Stati Uniti. Per il console saudita, il lasciapassare degli Usa, potrebbe rappresentare l’unica salvezza per la sopravvivenza. Tornando in Arabia è facile pensare che sarà ucciso proprio per la sua condizione di omosessuale.

Asseri non aveva avuto nessun problema con Riad, fino a quando non è circolata la notizia di essere attratto dalle persone del suo stesso sesso.

L’omosessuale saudita sta attendendo il lasciapassare dal governo a stelle e strisce che, nel caso in cui non accetti la sua richiesta d’asilo, lo vedrà compiere un ultimo gesto contro il suo stato: svelerà alcuni scottanti segreti della famiglia reale dell’Arabia Saudita che vive in territorio americano.

Leggi ora  Carmen Consoli: "Mi auguro di diventare mamma di un figlio gay"