Kuwait, una legge permetta che le donne transgender siano violentate

di Felix Commenta

Negli ultimi quattro anni, le donne transgender sono state oggetto di rapimento, torture e violenze sessuali da parte della polizia in Kuwait, secondo un nuovo rapporto di Human Rights Watch (Hrw), composto da un documento di 63 pagine che riporta gli abusi dal 2008 a oggi.

Nadim Houry, Vice Direttore di HRW in Medio Oriente e Africa del Nord, ha denunciato le autorità del Kuwait che da anni sfruttano l’articolo 198 della legge 2007, che criminalizza chi arbitrariamente imita l’altro sesso, per giustificare gli abusi alle persone transgender.

La legge ha praticamente dato il via libera alle autorità, non solo di polizia ma anche ai membri della società, di arrestare e torturare le persone transgender e utilizzare la forza contro di loro senza rischiare punizioni.

Sarah Leah Whitson, direttore per il Medio Oriente di Human Rights Watch:

Nessuno, indipendentemente dall’identità di genere, merita di essere arrestato sulla base di una vaga legge arbitraria per poi essere abusato e torturato; il governo del Kuwait ha il dovere di proteggere tutti i suoi abitanti dal comportamento della polizia brutale e l’applicazione di una legge ingiusta, compresi i gruppi che devono affrontare la disapprovazione popolare.

Photo Credits | Getty Images

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>