I gay amano l’Italia, l’Italia ami i gay, la campagna friendly per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia

di Sebastiano Commenta

La comunità lgbt romana (e non solo) si prepara a festeggiare degnamente i 150 dell’Unità d’Italia con un’iniziativa molto importante. Il progetto, promosso dal Gay Center, che ospita Arcigay Roma, ArciLesbica Roma, Nps, Azione Trans nella Capitale ha scelto I gay amano l’Italia, L’Italia ami i gay come slogan per la campagna stampata su migliaia di cartoline per rendere i migliori auguri al nostro Belpaese.

Due coppie omosessuali, due ragazzi e due ragazze con la bandiera italiana davanti al monumento di Giuseppe Garibaldi. le stampe, diffuse anche sul web, saranno inviate a partire da oggi alle principali autorità italiane, dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ai Presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani, passando dai capigruppo di Camera e Senato e al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, ha commentato:

Il nostro è un messaggio d’amore per l’Italia. Nel giorno in cui si festeggia l’Unità, non volevamo far mancare la voce di milioni di gay grazie ai giovani protagonisti di questa iniziativa attraverso cui vogliamo richiamare l’attenzione delle Istituzioni e del Parlamento sull’assenza di diritti per tantissimi cittadini del nostro Paese. Lesbiche, gay e trans, infatti, in Italia a differenza di quanto avviene in Europa, non hanno alcuna tutela e non vedono riconosciuti i loro diritti o quelli delle loro famiglie. Una condizione di ‘cittadinanza dimezzata’ che non può continuare a lungo. Ci auguriamo che le celebrazioni di questi giorni e dei prossimi mesi consentano una riflessione su questo tema e producano azioni concrete per affermare l’uguaglianza di tutte e tutti, proprio come afferma la Costituzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>