Europride 2011: i quattro punti per spiegare a Lady Gaga come vivono i gay in Italia

di Sebastiano Commenta

 Sembra essere tutto pronto per accogliere Lady Gaga, guest star d’eccezione del Roma Europride 2011. La popstar italo-americana dovrebbe atterrare all’aereoporto di Ciampino nella mattinata dell’11 giugno. Non si sa se pernotterà nella capitale, anche se molti hotel a cinque stelle si sono offerti di ospitarla gratuitamente assieme al suo entourage.

Una società che si occupa di cura dell’immagine avrebbe richiesto informazioni per posizionare il suo logo sul palco di 20 metri per 16, che sarà allestito al Circo Massimo. Il pianoforte che userà Lady Germanotta è stato già noleggiato, praticamente, a costo zero: il proprietario non si è voluto lasciar scappare l’occasione di farlo usare alla regina del pop.

Il corteo, che inizierà alle 17 da piazza dei Cinquecento fino ad arrivare al Circo Massimo, dove i partecipanti potranno ascoltare al concerto di Lady Gaga, che inaugurerà la parte musicale a ritmo di Born this way. Nel corso della serata ci sarà anche il passaggio di consegne ufficiale tra Roma e Londra, sede, nel 2012, dell’Europride. Oltre alle rappresentanze dei partiti di centrosinistra, è probabile la presenza del leader di Sel Nichi Vendola e del segretario generale della Cgil Susanna Camusso. Sarà presente, una sua delegazione america guidata da David Thorne, principale artefice dell’arrivo nel nostro Belpaese dell’interprete di Poker Face.

E c’è molta attesa sul discorso che la paladina dei diritti omosex terrà ai suoi fan gay. In accordo con la casa discografica, l’Universal Music, Lady Gaga riceverà una lettera per capirne di più sulla condizione della comunità lgbt italiana. Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay, ha detto (Fonte Repubblica):

Al primo punto abbiamo evidenziato la totale assenza di qualsiasi forma di tutela per le coppie di fatto. Abbiamo inoltre messo in luce che, in Italia, i gay non possono sposarsi. Inoltre, al terzo punto, si è sottolineato che manca una legge contro l’omofobia, e una tutela specifica di omosessuali e transessuali dalle discriminazioni. Infine, all’ultimo punto, abbiamo spiegato a Lady Gaga che il governo italiano ha mal recepito la direttiva europea per la parità di trattamento sui luoghi di lavoro.

Rossana Praitano, presidente del circolo Mieli, ha aggiunto:

Questo evento non ruota attorno a questa esibizione, che ne rappresenta solo una fase. L’Europride è, soprattutto, un momento politico per rivendicare la parità dei diritti delle persone omosessuali e transessuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>