Discriminazione in Pennsylvania: sconti solo agli etero

di Giada Commenta

L’omofobia e la discriminazione guadagnano sempre un posto in prima pagina, anche on line. Questa volta è la Pennsylvania ad attirare l’attenzione dei media e il motivo è legato alla mancata concessione di uno sconto di famiglia per l’accesso a una piscina pubblica.

La società che gestisce la piscina è infatti colpevole di non aver applicato lo sconto a una famiglia omosessuale composta da due mamme e una bambina.

La notizia è stata riportata dal quotidiano York Daily Record che ha raccolto anche la testimonianza dei protagonisti, la signora Michelle Gladfelter e il proprietario della piscina, Russ Jacobs che avrebbe accolto i tre senza concedere loro lo sconto famiglia. Il motivo principale è che, a detta del proprietario, la struttura non riconosce la famiglia gay come nucleo famigliare tradizionale; una risposta che avrebbe fatto andare su tutte le furie la famiglia omosex.

E la legge cosa dice a riguardo? A differenza di altre realtà americane, la Pennsylvania non dispone di leggi anti-discriminazione quindi la scelta dell’imprenditore difficilmente potrà essere richiamata dalle autorità.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>