Coming out, in Cina spot invita a farlo

Home » Coming Out » Coming out, in Cina spot invita a farlo
Spread the love

Il coming out è un passo importante per ogni persona della comunità LGBTQ. Non sempre le sue conseguenze sono positive, ma è un punto fermo per affermare il proprio essere. In Cina questo passaggio è sollecitato da uno spot televisivo.

Coming out, in Cina spot invita a farlo Coming Out

Non in tutti i paesi la sessualità viene capita apertamente. Ed in luoghi come la Cina dove l’omossessualità stessa è stata “illegale” fino al 1997, molto deve essere fatto ancora per il riconoscimento delle coppie queer. Un po’ come l’Italia, dove l’omofobia continua a regnare sovrana e il riconoscimento giuridico non avviene, benché meno attraverso le nozze.

In Cina la situazione è pari alla nostra e questo è dettato anche dal fatto che non sono molte le persone che si trovano a loro agio a fare coming out. Per questo motivo è partita una campagna, corredata da tanto di spot, attraverso il quale invitare le persone a fare coming out. Essa mostra le foto di vere coppie omosessuali all’interno delle loro case con uno slogan preciso:

L’amore non è una scelta. Non abbiamo scelto di essere omosessuali. Lo siamo. E siamo felici. Il mondo è sufficientemente grande per tutti noi.

L’idea è venuta a David Li, il direttore della China LGBT Awareness Campaign, per tentare di abbattere i pregiudizi che ancora sono presenti in nel paese. Questo perchè la maggior parte delle persone crede ancora che l’omosessualità sia una malattia o una perversione ed a causa della censura generale è difficile informare correttamente. Ma come proteggere le persone se non si informano i potenziali omofobi?

Leggi ora  Riconoscere la propria sessualità: nessun limite d'età