Bergamo: sportello Cgil per tutelare i diritti gay

di Azzurra Commenta

Da ieri, a Bergamo, ci sarà un mezzo in più per combattere la discriminazione sessuale. Troppi giovani della regione Lombardia si sono sentiti dire di non essere “adatti” a lavorare in luoghi pubblici perchè omosessuali. Stefano Pieralli, dell’arcigay nazionale, all’inaugurazione del primo sportello italiano della Cgil creato in collaborazione con pro-Lgbt ha dichiarato:

Adesso saranno salvaguardati i diritti di gay e trans nei posti di lavoro.

Luca Trentini, segretario nazionale Arcigay, ha affermato:

Ci sono cliché che ci vedono solo come commessi, parrucchieri e steward, in realtà occupiamo tutti i posti di lavoro. Ma siamo sempre costretti a subire vessazioni e mobbing.

Lo sportello Nuovi diritti occuperà gli spazi della Toolbox in Via Borgo Santa Caterina 60, a Bergamo. Insomma, una bella iniziativa che speriamo permetta di difendere i diritti di cittadini come altri che sono stufi di sentirsi dire: “Sei troppo effeminato…” o qualsiasi altro epiteto discriminatorio per svolgere lavori comuni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>