Treviso, Dolce Pace per combattere l’omofobia

Home » Cultura Gay » Treviso, Dolce Pace per combattere l’omofobia
Spread the love

Treviso, Dolce Pace per combattere l'omofobia Cultura Gay Manifestazioni Gay Liberi di scegliere i propri gusti. E’ la singolare (ma efficace) iniziativa ideata dal creativo argentino, Salvador Perez, per combattere l’intolleranza omofoba nella città di Treviso. L’artista ha invitato tutti i cittadini a riunirsi in Piazza Duomo, martedì 28 giugno alle ore 18.30 per gustare un ottimo gelato ed assistere ad eccezionali performance collettive nel segno della diversità.

L’invito a partecipare a Dolce pace (così è stata chiamata la manifestazione) sta ottenendo moltissime adesioni su Facebook (anche sulla pagina ufficiale Treviso non è omofoba) anche di persone eterosessuali che condividono i capisaldi dell’evento (altro che Lega Nord):

Siamo un gruppo di liberi cittadini. Il nostro è un movimento spontaneo e, soprattutto, apartitico. Ci siamo riuniti per la necessità di dimostrare tutto il nostro sdegno nei confronti di una situazione di ignoranza e discriminazione che attanaglia da anni la città in cui viviamo, studiamo e lavoriamo: Treviso.
Discriminazione e ignoranza che, peggio ancora, nascono dall’alto, dall’amministrazione comunale e da quei personaggi che, per loro impegno istituzionale e giuramento sulla Costituzione, rappresentano tutti i propri cittadini «[..]senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.[..]»
Siamo la Treviso che vuole questo stupendo articolo 3 della Costituzione Italiana realizzato nella sua interezza. Siamo la Treviso a cui non importa chi si bacia o chi si ama. La Treviso che non vuole denigrare i membri della propria comunità. Siamo la Treviso che si è accorta di essere nel XXI secolo e di non potersi più barricare in gabbie di pensieri semplici e discriminatori. Vogliamo gridare a gran voce che le preferenze sessuali non sono nel modo più assoluto fattore discriminante nei confronti di un individuo. Quando ci presentiamo nessuno di noi dice «Piacere, omosessuale» oppure «Piacere, eterosessuale o bisessuale o trans»! Piacere noi siamo Michele, Marta, Alberto, Gaia, Enrico, Silvia, Fabio, Marco e mille altri ancora e ci piacciamo, tutti.
Noi NON siamo omofobi e siamo qui per dimostrarlo, ora e sempre.
TREVISO NON DOVRÀ PIÙ ESSERE OMOFOBA.
TREVISO NON SARÀ PIÙ OMOFOBA.

Leggi ora  Julianne Moore: "Sono stati compiuti molti passi a favore dell'omosessualità, ma c'è ancora tanto da fare"

DOLCE PACE from pzp cultura on Vimeo.