Tokyo: il governatore Shintaro Ishihara promuove la discriminazione verso i gay?

Home » Cultura Gay » Tokyo: il governatore Shintaro Ishihara promuove la discriminazione verso i gay?
Spread the love

Tokyo: il governatore Shintaro Ishihara promuove la discriminazione verso i gay? Cultura Gay Il governatore di Tokyo, Shintaro Ishihara, sarebbe pronto a ritrattare le dichiarazioni rilasciate nel mese di dicembre, in cui aveva etichettato i gay come deficienti e geneticamente privi di qualsiasi ordine. Lo ha annunciato Nath Dipika, ricercatore di Human Rights Watch:

Anche se il Giappone non criminalizza i comportamenti di omosessuali, lesbiche, transgender, è da evidenziare come le persone siano oggetto di discriminazione e umiliazioni, tutti i giorni, dalle loro famiglie, nei luoghi di lavoro, e in altri contesti sociali e professionali. Il governatore Ishihara, con i suoi commenti, rischia di aumentare lo stigma contro i gay e promuovere la discriminazione nei confronti di un gruppo già emarginato. Dovrebbe, invece, mettere la sua fede e una buona parola e fare un sincero sforzo per contrastare il pregiudizio e la discriminazione contro tutti i gruppi emarginati. Lesbiche, gay e transessuali meritano lo stesso rispetto e dei diritti di chiunque altro in Giappone.

Nel 2000, a seguito di contenzioso con la comunità LGBT di Tokyo, Ishihara ha redatto le linee guida per una politica a tutela e promozione dei diritti umani con l’impegno di proteggere anche quelli delle persone transessuali e omosessuali.

E’ una questione di grande preoccupazione che il governatore Ishihara, che ha il compito di difendere i diritti e garantire il benessere di tutti i residenti di Tokyo, abbia caratterizzato lesbiche e gay come esseri inferiori ad altre persone. E’ ancora più grave quando funzionari pubblici fanno caratterizzazioni peggiorative di particolari gruppi di persone, compromettendone la capacità di vivere la propria vita con dignità. E’ responsabilità del governatore quella di riparare il danno che ha causato.

Leggi ora  Studenti gay segregati nei dormitori universitari