Solo 4 anni di carcere per Svastichella. Arcigay Roma: “Approvare subito legge su omofobia”

Home » Cultura Gay » Solo 4 anni di carcere per Svastichella. Arcigay Roma: “Approvare subito legge su omofobia”
Spread the love

Solo 4 anni di carcere per Svastichella. Arcigay Roma: "Approvare subito legge su omofobia" Cultura Gay Svastichella, il violento omofobo che il 12 agosto del 2009 ferì gravemente un giovane gay che si stava baciando nei pressi del gay village dell’Eur con il compagno, ha ottenuto una cospicua riduzione di pena (da 7 a 4 anni di carcere) in appello. Il suo avvocato, Riccardo Radi, ha ribattuto sul fatto che il suo assistito era da considerarsi seminfermo di mente, per i reati di tentativo di omicidio, lesioni e porto abusivo di arma impropria al momento dell’aggressione.

Il folle gesto avvenne verso le 4 di notte. Sardelli, che fu rintracciato e arrestato il 25 agosto del 2009 ferì gravemente con un coccio di bottiglia il ragazzo che fu costretto ad essere ricoverato per diverso tempo in ospedale. Dino, vittima della furia omocida di Svastichella, ha commentato negativamente la decisione del giudice Eugenio Mauro (Fonte Adnkronos):

Cosa aspetti il Parlamento ad approvare una legge. Sono indignato di fronte a quei politici che dicono di voler combattere la violenza e poi non fanno nulla. Dovrebbero vergognarsi, 4 anni per un tentato omicidio non sono nulla, considerando anche che difficilmente otterrò il risarcimento del danno, essendo l’aggressore nullatenente.

Anche Gianni Alemanno, sindaco di Roma, ha commentato in una nota l’inammissibile sentenza:

Pur rispettando l’autonoma decisione dei giudici della Corte d’Appello non possiamo non rimanere profondamente perplessi di fronte a questa sentenza perché riduce a 4 anni una condanna per tentato omicidio. Tutto questo non sarebbe successo se in Italia esistesse una norma che preveda un’aggravante per omofobia. Credo che il Parlamento debba fare una riflessione al di là degli schieramenti politici, per vedere di approvare questa norma.

E non si sono fatte attendere le dichiarazioni di Fabrizio Marrazzo, presidente di Arcigay Roma e responsabile di Gay Help Line:

La riduzione della pena perché sono state applicate le attenuanti generiche ci amareggia. perché non è accettabile che in Italia una persona venga condannata a quattro anni per tentato omicidio perché non c’è una legge che punisce la violenza contro lesbiche, gay e trans. Di fronte a una sentenza di questo tipo la nostra classe politica non può permettersi di restare in silenzio e non approvare al più presto una legge utile e severa.

Leggi ora  Livorno: storico incontro tra il vescovo Simone Giusti e l'Arcigay