Slovenia: respinto refeferendum pro diritti gay

di Redazione Commenta

Una notizia che riempirà la bocca di Carlo Giovanardi e i suoi amici per lungo tempo. La Slovenia dice no a maggiori diritti per le coppie gay. Il referendum sul nuovo codice della famiglia, che tra gli altri prevedeva un allargamento dei diritti per gli omosessuali, è stato respinto dagli aventi diritto al voto.

Sul 98% delle schede scrutinate il 44,78% si è detto favorevole, 55,22% contrario. Bassissima l’affluenza alle urne: solo il 29,6%. La decisione è comunque valida poiché non è richiesto un quorum prestabilito.

Il referendum prevedeva anche l’adozione da parte di un componente della coppia gay dei figli naturali dell’altro partner. Rimarrà in vigore il vecchio codice, quello che riconosce la sola famiglia tradizionale, formato da un uomo, una donna e i loro figli. Per almeno dodici mesi il parlamento non potrà legiferare su tale materia.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>