Silvio Berlusconi: “Finche’ governeremo noi non ci sara’ mai la possibilita’ di adozioni per le coppie gay”

di Redazione 4

Intervenendo al congresso dei cristianoriformisti, Silvio Berlusconi ha tenuto a precisare che il programma di governo non prevede l’attuazione di politiche a favore delle coppie non tradizionali (detto da uno che fa del Bunga Bunga uno stile di vita sembra quasi una barzelletta) per conservare i capisaldi della famiglia da Mulino Bianco:

Finche’ governeremo noi il Paese le unioni omosessuali non saranno mai equiparate alla famiglia tradizionale. Finche’ governeremo noi non ci sara’ mai la possibilita’ di adozioni per i single ne’ per le coppie gay.

Immediata la risposta di Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay:

Con un’affermazione pronunciata con cinica consapevolezza: “Fin quando governeremo noi non ci sarà mai un’equiparazione tra matrimonio tradizionale e unioni gay”, Silvio Berlusconi regala al Paese intero una mossa meschina che cerca di riconquistare un elettorato cattolico disgustato da mesi di scandali e storielle più o meno spregevoli, attraverso l’ennesimo uso spietato delle vite e degli amori delle persone omosessuali e transessuali. Il tentativo strumentale è talmente evidente, e corredato da un attacco alla scuola pubblica in favore di quella privata, da non potere ingannare nessuno. Rammenti il Presidente del Consiglio che è la Corte Costituzionale con la sentenza 138 /2010 ad aver equiparato i diritti delle coppie gay conviventi a quelli delle coppie eterosessuali coniugate, e che l’affermazione dei doveri e dei diritti di qualunque cittadino di questo Paese è assolutamente obbligo etico, politico, morale di un uomo di Governo. Silvio Berlusconi con le sue parole straccia senza pudore la storia dell’eguaglianza in Europa; il dettato della Corte costituzionale, i principi di dignità delle persone che l’Unione afferma e che lui nega. Non è di sinistra, né di destra affermare l’uguaglianza di diritti tra le persone, ma è patrimonio della coscienza civica e del buon governo. Il Presidente dice di temere derive integraliste in Nord Africa e poi ce le ripropone in Italia? E’ evidente che il suo modello non sono gli USA di Obama che pochi giorni fa ha usato parole importanti a sostegno dei matrimoni gay: il Presidente del Consiglio si guardi attorno nel mondo per verificare quale tipo di paesi usino le persone lgbt per le peggiori derive ideologiche, e poi ci faccia sapere. La Storia osserva e giudica tutti, caro Presidente, persino lei, e ricordi che milioni di persone gay, lesbiche e trans pagano regolarmente le tasse ed assolvono ai propri doveri sociali e civili, senza avere gli stessi diritti di qualunque cittadino. Per queste persone le sue affermazioni sono davvero troppo ridicole per essere sopportate, ma per lei e per tutti in questo Paese sono davvero troppo poco per ripulirsi la coscienza. La sua verginità la ricostruisca sottoponendosi al giudizio della Magistratura ma non con le nostre vite ed i nostri amori da sventolare come trofeo alle brame della parte più retriva di un Italia che lei contribuisce a frammentare.

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>