RiGeneriamO Immaginari: una campagna contro la violenza per genere ed orientamento sessuale

Home » Cultura Gay » RiGeneriamO Immaginari: una campagna contro la violenza per genere ed orientamento sessuale
Spread the love

RiGeneriamO Immaginari: una campagna contro la violenza per genere ed orientamento sessuale Cultura Gay Nata dopo un brutto episodio di violenza maschile durante il Mayday Parade di Milano, nel 2009, RiGeneriamO Immaginari è una lodevole campagna di sensibilizzazione e lotta agli abusi contro donne, gay e trans, che ai giorni nostri, rappresentano la porzione più debole e mal tutelata della nostra società. Ogni cartolina è accompagnata da una chiara didascalia su come arginare il fenomeno. Nella cover del post, si affronta la discriminazione dei gay

L’autodeterminazione di donne, gay, lesbiche, trans, queer non è una minaccia, ma una possibilità concreta di libertà per tutt@. Rilassati: puoi anche smettere di strisciare contro i muri appena vedi una travestita! E le saponette, in palestra, sono state sostituite da più pratici docciaschiuma. Prova a gestire il tuo buco del culo con più serenità: lo puoi usare anche se hai rapporti eterosessuali! Se un gay, una lesbica, un/a trans o una persona dall’incerta identità di sesso/genere ti fanno qualche avance, non è il caso di procurarti un attacco di panico: la libera circolazione dei desideri è un bene comune. Se il tuo gruppo deride o insulta le diversità sessuali, puoi sempre sottrarti, smarcarti o cambiare gruppo.

RiGeneriamO Immaginari: una campagna contro la violenza per genere ed orientamento sessuale Cultura Gay
Singolare il commento alla sezione dedicata ai trans

Si nasce femmine o maschi… o almeno così vuole la leggenda. A essere pignoli c’è chi nasce con entrambi i sessi o chi non si sente comod@ nel sesso in cui è nat@ e va alla ricerca dell’identità che l@ faccia sentire bene. Uomo e donna non si nasce, si diventa! Non importa se sei nat@ con il pisello o le tette, ma come vuoi vivere il tuo pisello o le tue tette… o tutti due, perché no?

Leggi ora  Jude Law e Kevin Spacey attaccano il presidente omofobo della Bielorussia