L’OMS contro la cura dell’omosessualità

Home » Omofobia » L’OMS contro la cura dell’omosessualità
Spread the love

L'OMS contro la cura dell'omosessualità Omofobia L’Organizzazione Panamericana della Salute (OPS), una sezione rappresentativa dell’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) in America del Nord e del Sud, ha inviato un comunicato a tutti i mezzi di comunicazione condannando i gruppi religiosi e sociali che si propongono di “curare” l’omosessualità.

Mirta Roses Periago, Presidente della OPS, ha commentato il problema:

Queste terapie violano i principi etici e i diritti umani protetti da accordi internazionali e regionali. L’omosessualità non è una malattia e non richiede alcuna cura, tanto che non esiste una terapia medicinale da seguire per cambiare l’orientamento sessuale di un uomo o una donna. Le pratiche mediche antiomosessualità possono essere dannose e rappresentare una minaccia per il benessere psicofisico delle persone.

L’invito della OMS, unito a quello delle organizzazioni omosessuali, è di denunciare gli atteggiamenti omofobi delle società mediche e religiose che rinnovano offerte e occasioni di incontri pubblici. Il prossimo in arrivo sarà l’appuntamento con lo scrittore Richard Cohen e il vescovo Juan Antonio Reig Plá che offriranno soluzioni per l’omosessualità e cure innovative.

Photo Credits | Getty Images

Leggi ora  Daniele Priori: "Numerosi i documenti omofobici durante il Pontificato di Giovanni Paolo II"