Napoli: approvato Registro Unioni Civili

di Sebastiano Commenta

Come promesso in campagna elettorale, il Consiglio comunale presieduto da Luigi de Magistris ha approvato una proposta per istituire il Registro Unioni Civili in seguito alla ratifica due delibere proposte dall’assessore alle Pari Opportunità Pina Tommasielli e dall’assessore all’Anagrafe Elettorale Bernardino Tuccillo. Il primo cittadino di Napoli è entusiasta di questo nuovo progetto:

Dopo il comune di Torino e quello di Milano anche Napoli compie un passo significativo verso il riconoscimento pieno dei diritti civili e per la piena attuazione della Costituzione.

Pina Tommasielli:

Sull’esempio dei Comuni di Padova e Bologna questa delibera riprende il decreto attuativo del 1989 della legge sull’anagrafe datata 1954 che nell’articolo 4 definisce la famiglia come ‘…un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune’ e colma, in attesa che si compia l’iter legislativo per l’istituzione del registro delle Unioni Civili, un vuoto di diritti per tutte quelle coppie che vedono negato il loro riconoscimento ai fini amministrativì.

Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, applaude l’iniziativa:

L’approvazione della delibera sul registro delle unioni civili a Napoli è un fatto molto importante e ci auguriamo che questo messaggio di parità giunga anche al Parlamento e al Governo, affinché approvino una legge che riconosca le unioni gay, colmando così lo spread sui diritti civili che ancora una volta separa l’Italia dall’Europa. Adesso le coppie di fatto, anche lesbiche e gay, possono finalmente contarsi e contare di più. Il sindaco ha mantenuto le promesse fatte in campagna elettorale: i registri delle unioni civili rappresentano uno strumento simbolico significativo e gli enti locali possono fare molto rispetto ai servizi alle famiglie di fatto.

Dello stesso parere, anche Ivan Scalfarotto:

L’avvio dell’iter per la costituzioni del registro delle Unioni Civili a Napoli è un altro importante segnale di come questa città chieda forti segnali di discontinuità e cambiamento e di come il sindaco De Magistris sia pronto ad ascoltare e ad agire con coraggio.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>