Libro gay a scuola? E’ giusto

Home » Cultura Gay » Libro gay a scuola? E’ giusto
Spread the love

Libro gay a scuola? E' giusto Cultura Gay

Leggere libri a tematica gay a scuola? E’ giusto. Ed ora vi spieghiamo il perché. Non stiamo ovviamente suggerendo la lettura di materiale non adatto ai minori, ma dei testi che possano far comprendere che l’omofobia è sbagliata e che non bisogna discriminare le persone in base alla propria sessualità.

Purtroppo l’Italia è un paese tendenzialmente omofobo, sia a causa dell’ignoranza che in alcune fasce della popolazione regna sovrana, sia per colpa della religione che in modo sottile ma persistente, purtroppo indirizza le persone ad odiare il diverso nonostante apparentemente predichi amore. Detto ciò, in questi giorni ha fatto grande scalpore la decisione del Liceo Giulio Cesare di Roma di far leggere il libro “Sei come sei” di Melania Mazzucco: la lettura di una parte del testo ha scatenato la reazione becera di neofascisti e gruppi estremisti religiosi. Su questi ultimi, onestamente ci si chiede se prima di tutto credano nel rispetto del prossimo come professato dalla loro religione ed in seconda istanza, generalmente su entrambe le fazioni, se nel 2014 si possa ancora avere a che fare con un’omofobia così palese da essere incostituzionalmente illegale.

Non smetteremo mai di dire che le diverse sessualità sono tutte facce di una stessa medaglia e tutte accettabili: etero, gay, bisex, pansessuale e qualsiasi altro orientamento sessuale non devono rappresentare una discriminante per odiare una persona. E la diffusione di un romanzo delicato come quello della Mazzucco tra i giovani potrebbe aiutare tanti ragazzi in difficoltà. Perché quindi opporsi ad una sua lettura educativa? Vorremo davvero una risposta da chi lo osteggia tanto.

Leggi ora  Lady Gaga non tratta affari con chi non difende i diritti gay