Kenya, lesbica si suicida dopo esser stata tenuta in ostaggio dalla famiglia

Home » GLBT News » Kenya, lesbica si suicida dopo esser stata tenuta in ostaggio dalla famiglia
Spread the love

Kenya, lesbica si suicida dopo esser stata tenuta in ostaggio dalla famiglia GLBT News Omofobia Primo Piano

Joan Sandy Achieng ha perso la propria vita dopo esser stata tenuta in ostaggio dai suoi genitori perché lesbica: la giovane, in preda alla disperazione per essere reclusa in casa dalla famiglia, si è suicidata mercoledì notte in Kenya.

La donna, identificata come Joan Sandy Achieng, viveva e lavorava a Nairobi finché i suoi genitori non hanno scoperto la sua omosessualitàe hanno deciso di tenerla in ostaggio per farla sposare con un uomo più anziano.

Secondo i rapporti ricevuti da Denis Nzioka, direttore del magazine lgbt Identity Kenya, la Achieng era stata aggredita e accoltellata da una sua amica e i genitori sono intervenuti per badare alla figlia; il risultato invece è stato che la ragazza ha visto confiscarsi il cellulare e il fratello è divenuto una sorta di secondino.

Tre giorni prima del suo suicidio, la Achieng è riuscita a fare una telefonata a uno dei suoi amici più stretti per inforlamrlo di essere stata forzata a sposare un anziano amico di famiglia, che ha ripetutamente abusato di lei e che ne aveva avuto abbastanza per sentirsi pronta a togliersi la vita.

Questo è purtroppo il quarto caso di suicidio causato da famiglie omofobe, ostili all’omosessualità, obbligando a matrimoni curativi contro la volonta delle vittime che, sconvolte dalla miseria della vita prospettata in una simile condizione, preferiscono togliersi la vita.

Leggi ora  Jimena Navarrete favorevole alle nozze gay

L’omosessualità è illegale in Kenya, con gli atti sessuali gay punibili con la reclusione dai 5 a 14 anni.

Photo Credits | Getty Images