Iran: comunità GLBT solo on line

di Giada Commenta

Il Presidente Ahmedinejad sembra esserne sicuro: l’Iran non presenta comunità omosessuali. Almeno all’apparenza. Sì, perché tutte le realtà GLBT sembrano essersi costruite un mondo virtuale in cui nascondersi dal regime e poter essere finalmente se stessi.

Una nuova ricerca della compagnia Small Media rivela infatti che le comunità omosessuali iraniane svolgano le loro attività sul web, una realtà che accoglierebbe la loro identità senza filtri né censure.

Tra le realtà omosessuali virtuali più attive ci sarebbe una fiera del libro virtuale dedicata a tutti i ragazzi amanti della letteratura che scrivono e pubblicano le loro poesie on line, scritti d’autore e di gran talento raccolti in edizioni straniere, tra cui una di Toronto, che offre la pubblicazione a opere che in Iran non vedrebbero mai la luce.

La questione della tolleranza per le comunità GLBT è ancora molto lontana: solo qualche mese fa alcuni uomini sono stati uccisi per aver avuto una relazione omosessuale.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>