Francia, campagna contro l’omofobia

Home » Cultura Gay » Francia, campagna contro l’omofobia
Spread the love

Francia, campagna contro l'omofobia Cultura Gay L’Adot, una delle associazioni francesi più sensibili alla donazione degli organi, ha promosso una singolare campagna per combattere l’omofobia dilagante in tutto il mondo.

Nel manifesto si realizza pienamente la provocazione dell’ente, che prende come riferimento un omofobo morto con un tatuaggio molto crudo “Dio odia i froci”. L’evidente cicatrice sul corpo rappresenta i chiari segni di un’operazione di trapianto degli organi.

In fondo sulla sinistra, lo slogan, “Non è mai troppo tardi per diventare una persona migliore”, il segno tangibile della possibile redenzione dei “cattivi” dopo la morte. Da notare che la scelta di collocare la cicatrice in prossimità del fegato non è del tutto casuale. Che ve ne pare?

Leggi ora  Russia: regione di Krasnodar approva legge omofoba