Benedetto XVI sarebbe gay secondo una teologa tedesca: “Basta guardarlo in foto”

di Felix Commenta

Secondo una teologa tedesca, papa Benedetto XVI sarebbe gay. La prova? Uno studio fotografico che evidenzia chiare caratteristiche riconducibili all’omosessualità del pontefice.

Da Berlino si è diffusa rapidamente l’intervista che vede protagonista Uta-Ranke Heinemann, teologa scomunicata nel 1987 dalla Chiesa dopo aver dichiarato l’impossibilità biologica di una donna vergine come la Madonna di poter dare alla luce Gesù Cristo; interessante sapere che la donna ha studiato all’università con Joseph Ratzinger:

Quando eravamo insieme all’università negli anni cinquanta, Ratzinger era il compagno di studi ideale per una donna, dava l’impressione di essere completamente asessuato, era quindi il partner perfetto per studiare in sale vuote e con poca luce; durante gli anni, però, è cambiato molto, con i suoi sguardi verso altri cardinali, come con Tarcisio Bertone, che lasciavano trasparire un guizzo negli occhi verso i corpi maschili che prima non aveva.

La teologa ha continuato la dichiarazione al settimanale teutonico Vice:

Da tempo raccolgo sue fotografie e secondo me, dalle immagini, traspare il suo orientamento omosessuale.

La Heinemann, figlia dell’ex presidente della Germania Gustav Heinemann è un’intellettuale piuttosto nota in Germania, si unisce all’ipotesi già diffusa recentemente da David Berger, altro scomunicato che conferma la tesi secondo cui il papa sia gay:

Sono contento che lei la pensi come me sull’omosessualità di Benedetto XVI.

Nel corso dell’intervista, la teologa ha inoltre espresso grande sconforto per l’atteggiamento della Chiesa verso il sesso:

Da duemila anni la Chiesa ha impostato una linea di così forte ostilità nei confronti della sessualità che sarà impossibile cambiarla.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>