Un’attivista LGBTQ+ salva una spiaggia

Home » Manifestazioni Gay » Un’attivista LGBTQ+ salva una spiaggia
Spread the love
Un'attivista LGBTQ+ salva una spiaggia Lifestyle Gay Manifestazioni Gay

Seattle ha annullato la proposta di costruire un parco giochi su una spiaggia per nudisti in seguito alla reazione negativa della comunità LGBTQ+ della città. Come riportato dal Seattle Times, il finanziamento per il progetto da 550.000 dollari proposto per costruire un parco giochi per bambini al Denny Blaine Park, un prato erboso che si affaccia su una spiaggia appartata sul lago Washington, è arrivato da un donatore anonimo. In un incontro comunitario all’inizio di questo mese, il vice sovrintendente dei parchi e delle attività ricreative di Seattle, Andy Sheffer, ha affermato che il progetto affronterebbe la mancanza di parchi giochi nel quartiere senza utilizzare fondi pubblici.

Ma gli oppositori hanno ribattuto che un parco giochi metterebbe a repentaglio lo status della spiaggia come paradiso queer, dove i membri della comunità LGBTQ+ nuotano e prendono il sole nudi. Anche se la nudità pubblica è legale nello stato di Washington, in determinate circostanze può essere considerata “esposizione indecente”, ha osservato il Times, e gli oppositori del progetto temevano che il parco giochi sarebbe stato usato come scusa per prendere di mira le persone LGBTQ+. Alcuni hanno addirittura affermato che lo scopo del progetto era quello di sfollare la comunità LGBTQ+, nonostante i funzionari dei parchi di Seattle insistessero diversamente.

Leggi ora  Israele: i rabbini celebrano matrimoni tra gay e lesbiche

“È difficile persino trovare una ragione diversa da quella che sembra più ovvia, ovvero che si tratta di qualcuno che cerca di chiudere la spiaggia per nudisti. Se c’è una persona che non è nella comunità che si presenta con i propri figli, e ci sono persone in giro che sono nude, probabilmente chiameranno la polizia. Questa è una specie di utilizzo dei bambini come arma per cercare di escludere o danneggiare la comunità queer. Questo è solo un altro esempio“, ha detto al Times il trentenne Milo Kusold.

Una petizione online contro il parco giochi ha raccolto oltre 9.000 firme e l’incontro del 6 dicembre era pieno di membri della comunità LGBTQ+ che si opponevano al progetto, molti di loro con cartelli con la scritta “Non spostare la comunità storica e diversificata”, “Gay Buns Per fondi ombrosi” e “Salva Denny Blaine”.

Sono un uomo transgender nero e proprietario di una casa in città. Denny Blaine è l’unico parco in cui mi sento sicuro a nuotare. Quando ho effettuato la transizione, ho pensato che non avrei mai più potuto nuotare nel lago Washington… Denny Blaine è il mio miracolo.“, ha detto Vince Reiman, originario di Seattle. Pochi giorni dopo l’incontro, i funzionari dei parchi di Seattle annunciarono che il parco giochi previsto era stato demolito.