Sesso, rischi e sicurezza, campagna per la prevenzione dell’Aids

Home » GLBT News » Sesso, rischi e sicurezza, campagna per la prevenzione dell’Aids
Spread the love

Sesso, rischi e sicurezza, campagna per la prevenzione dell'Aids GLBT News Sesso, rischi e sicurezza, questo il nome dell’iniziativa messa in atto dall’Arcigay, Comitato Provinciale “Ottavio Mai” di Torino in partenariato con Anpas e Comitato Regionale del Piemonte. Il progetto ha un intento molto chiaro e preciso: analizzare lo stile di vita sessuale dei giovani torinesi, con lo scopo non solo di capire quanto sono diffusi i rapporti a rischio, ma anche di fornire informazioni utili alle persone che entreranno in contatto con il progetto (come gadget verranno forniti dei preservativi).

Il campione di età preso in esame dallo studio va dai 18 ai 30 anni, questo perché è necessario tenere sotto controllo il diffondersi delle malattie sessualmente trasmissibili nella popolazione giovanile. Come spiegato dallo stesso Valerio Brescia,  responsabile Salute del Comitato Provinciale Arcigay “Ottavio Mai” di Torino:

Siamo curiosi di scoprire quanto ne sappiano i giovani di sesso, in un periodo in cui se ne parla tanto, ma spesso male. Inoltre vogliamo favorire l’implementazione di una rete tra enti, strutture e associazioni in ambito prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, anche nell’ottica di tornare a fare educazione sessuale nelle scuole.

Dello stesso parere di Brescia è il presidente di Anpas Piemonte, Luciano Dematteis:

L‘azione simultanea – che si sviluppa all’interno del programma promosso dall’Arcigay su una sessualità consapevole – di indagine conoscitiva e di intervento diretto è di fondamentale importanza per valorizzare e indirizzare in modo integrato e coordinato gli ulteriori sforzi che le singole realtà sociali stanno attuando a tale proposito sul territorio. Nello specifico per Anpas Piemonte il progetto in corso di realizzazione, in partenariato con il Centro sevizi volontariato Idea Solidale di Torino e altri attori pubblici e privati, finalizzato alla sensibilizzazione e informazione sulle malattie sessualmente trasmissibili, sull’uso di alcol, fumo e droghe. Tale iniziativa, che saprà certamente fare tesoro di questa importante prima esperienza maturata insieme all’Arcigay, si svolgerà all’interno delle scuole superiori e delle università piemontesi e sarà avviata nei primi mesi del 2011.

Sesso, rischi e sicurezza si evolverà in tre fasi: il sondaggio, che sarà utile a raccogliere tutti i dati; la divulgazione e la discussione dei risultati emersi (mediante un seminario) e la distribuzione del resoconto in cui sono contenuti tutti i documenti del convegno.

Leggi ora  Hiv: trovato il vaccino?