Roma, gay street nel dossier di Naim e Gesualdi

di Marziano Commenta

Anche la così detta gay Street finisce nel dossier di Nathalie Naim e Filippo Gesualdi riguardante i posti più rumorosi di Roma durante le ore notturne. I consiglieri del I municipio hanno raccolto di persona le lamentele dei cittadini. Via di San Giovanni di Laterano è finita sotto l’occhio del ciclone non solo per gli schiamazzi ma anche – a detta delle persone che ci vivono – per il degrado.

La consigliera dei Verdi fa sapere che nei paraggi della gay street si pratica sesso in pubblico, situazione che provoca grande disagio agli abitanti della zona:

Pensavo che i residenti esagerassero, ma ho dovuto ricredermi . Certi atteggiamenti sono intollerabili in un quartiere abitato anche da famiglie. L’argomento, però, è tabù: se solo si accenna al problema, si rischia l’etichetta di razzisti e omofobici.

Trastevere, Campo de’ Fiori, Testaccio, Celio, Monti, piazza Navona sono le altre zone finite nel dossier della movida romana inopportuna.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>