Primo rapporto europeo sul cattivo trattamento dell’asilo politico per omofobia

Home » Omofobia » Primo rapporto europeo sul cattivo trattamento dell’asilo politico per omofobia
Spread the love

Primo rapporto europeo sul cattivo trattamento dell’asilo politico per omofobia  Omofobia Primo Piano

Ogni anno giungono in Europa più di 10.000 richieste di asilo politico da parte di persone lgbt di origine extracomunitaria, a causa dell’alto livello di omofobia nei loro paesi di appartenenza; la notizia sconcertante arriva in seguito al primo rapporto europeo sulle richieste di protezione da parte di lesbiche, gay, bisessuali e transgender extracomunitari dal titolo Prassi disomogenee e diritti violati nei ventisette Stati dell’Ue.

Le richieste che arrivano dagli extracomunitari lgbt, in fuga dalla persecuzione e discriminazione nei paesi d’origine, sono trattate dai Paesi Ue in maniera diversa rispetto a chi è discriminato qui in Europa: è stata denunciata più volte una violazione dei diritti -sanciti, per capirci, nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani-, arrivando spesso al rimpatrio.

L’avvocato Simone Rossi di Rete Lenford-Avvocatura per i Diritti LGBT, cita i risultati della ricerca Fleeing Homophobia, illustrata in un convegno che si conclude oggi a Palermo.

E’ possibile stimare che nell’Unione Europea arrivino ogni anno 10.000 richieste di asilo da parte di persone LGBTI, la stima è in base ai dati provenienti da Belgio, Norvegia, Olanda e Svezia, mentre gli parte Paesi dell’Unione non ne raccolgono.

Per maggiori info, leggi il documento Fleeing Homophobia.

Leggi ora  Ricerca Usa: uomini gay ossessionati dal corpo perfetto