Omofobia, Italia: associazione europea chiede l’intervento di Monti

di Marziano Commenta

L’Europa striglia l’Italia sulla questione dei diritti gay. Ilga-Europe, associazione internazionale di lesbiche, gay, bisessuali e transessuali, ha scritto una lettera al presidente del Consiglio Mario Monti, ai presidenti di Camera e Senato Gianfranco Fini e Renato Schifani, e al prefetto di Roma Cirillo e all’Osservatorio per la sicurezza contro gli atti discriminatori (Oscad), dove si esprime preoccupazione per i recenti fatti di cronaca che hanno coinvolto la comunità gay romana.

Nella lettera si chiede l’estensione della legge Mancino del ’93, così da punire come di dovere la violenza dei confronti del popolo lgbt. Ilga sottolinea, inoltre, che omofobia e tran fobia sono considerate aggravanti di reati già in 16 paesi dell’Unione europea. Si chiede anche la catalogazione e la pubblicazione dei reati in modo da costruire un rapporto di fiducia tra omosessuali e forze dell’ordine.

Fabrizio Marrazzo di Gay Center fa sapere che da tempo si chiede l’estensione della legge Mancino:

Il Presidente del Consiglio Mario Monti ascolti la richiesta che viene oggi dall’associazione internazionale gay Ilga Europe per l’estensione della legge Mancino sui crimini omofobi. Da tempo sollecitiamo parlamento e governo a varare norme anti-omofobia, ma nulla è successo. L’Italia come conferma l’Ilga è tenuta a farlo anche per impegni europei. Ci aspettiamo risposte positive urgenti e concrete che combattano l’omofobia e che portino, su questo, l’Italia sul piano degli altri paesi europei.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>