Francobolli erotici gay in Finlandia: un successo

di Valentina Cervelli Commenta

Le strategie di marketing pagano, soprattutto se fortunatamente si abita in un paese a scarso tasso di omofobia. In Finlandia i francobolli erotici gay hanno avuto un grandioso successo. Vi immaginate una cosa del genere qui in Italia dove quando si parla di omosessualità si grida immediatamente allo scandalo?

L’idea, va detto, è stata grandiosa perchè si è unito un pizzico di ironia ad un’opera d’arte niente male. Il successo di prenotazioni per aggiudicarsi i primi francobolli è stato incredibile, il numero di persone interessate secondo le poste statali non è mai stato così alto. Questi sono i primi francobolli al mondo a rappresentare dell’esplicito contenuto sessuale gay. Con loro viene celebrato l’artista “Tom of Finland“.  Volete qualche numero? Le poste finlandesi li hanno rilasciati. Nei sei mesi che sono trascorsi tra l’annuncio e l’effettivo lancio della serie di francobolli, gli ordinativi e le prenotazioni sono arrivati da 178 Paesi. Quelli più attivi? Senza dubbio quelli provenienti da Svezia, Inghilterra, Francia e Stati Uniti.

Collezionisti di tutto il mondo hanno voluto accaparrarsi un pezzetto di questo evento. E li comprendiamo: la serie di francobolli che riproduce disegni erotici gay lascia davvero il segno. Le opera su loro riprodotte sono per l’appunto di Tom of Filand, nome reale Touka Laaksonen, l’unico artista che era stato tanto coraggioso da esprimere le proprie idee e rappresentare l’immaginario erotico omosessuale anche nei periodi nel quali si rischiava addirittura la vita nel farlo. Sembra un gesto stupido quello di una collezione celebrativa: non lo è affatto. Anzi, è un perfetto tributo all’artista.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>