Divercity, Verona promuove la diversità

Home » Cultura Gay » Divercity, Verona promuove la diversità
Spread the love

Divercity, Verona promuove la diversità Cultura Gay Ricordate il lontano 1995 quando esponenti di destra del consiglio comunale di Verona bollarono gli omosessuali come malati e prospettarono per loro addirittura la castrazione chimica? Oggi, nel 2011, Verona si apre al diverso e propone, appunto, lo spettacolo teatrale Divercity-Verona incontra la diversità al Camploy il 5 maggio. La storia verte su un amore omosessuale che provoca l’indignazione sociale. I promotori dell’iniziativa sono stati Stefano Bertacco ed Elena Traverso, esponenti di destra che non sono sempre stati a favore delle cause gay. La consigliera spiega così la nascita dell’iniziativa:

E’ iniziato tutto da uno spettacolo del Gasp per la prevenzione dell’Aids ed è poi nata una collaborazione con Gasp e Arcigay sui temi della discriminazione sessuale. Per la giornata mondiale contro l’omofobia abbiamo voluto smentire l’immagine di Verona come città razzista e sessista e dimostrare anche la nostra sensibilità verso l’argomento.

La Traverso ci tiene poi, però, a precisare le sue posizioni:

Intendiamoci: io sono contro l’intolleranza ma non sostengo il matrimonio omosessuale.

Lo stesso sindaco Flavio Tosi ha spinto per la sponsorizzazione dello spettacolo e si è detto disposto a garantire i diritti di tutti. Un’apertura che ci prospetta un futuro di speranza per i diritti gay!

Leggi ora  Pubblicità gay di Tiffany sotto accusa in Italia?