Chely Wright: “Fare coming out è stata la cosa migliore che abbia mai fatto per la mia vita”

Home » Cultura Gay » Chely Wright: “Fare coming out è stata la cosa migliore che abbia mai fatto per la mia vita”
Spread the love

Chely Wright: "Fare coming out è stata la cosa migliore che abbia mai fatto per la mia vita" Cultura Gay Ospite di un programma americano, The Nate Berkus Show, la cantante country Chely Wright, dichiaratamente lesbica dallo scorso maggio, ha fatto visita ad un centro della comunità LGBT a New York, che nei giorni scorsi, ha allestito un nuovo spazio ricreativo. L’artista ne ha approfittato per raccontare la sua esperienza di vita a tutti i giovani gay presenti in sala:

Vengo da una piccola città del Kansas. Ho perlustrato la mia piccola città alla ricerca di qualcuno che fosse come me ma non ho trovato mai nessuno. Così ho continuato a nascondermi perché desideravo con tutte le mie forze di essere una cantante di musica country.

Ha aggiunto:

Ho toccato il fondo e mi sono trovata nel 2006, pronto ad uccidermi perché mi sentivo rilegata in un angolo. Avevo creato tutta una vita dove nessuno mi conosceva. Ho pregato in ginocchio Dio dicendogli: ‘Aiutami a uscire da tutto questo’, e la risposta che ho ottenuto è stata quella di dire al mondo chi ero. Ho fatto coming out per me, soprattutto perché volevo vivere. Venir fuori nel maggio del 2010 è la cosa migliore che io abbia mai fatto per la mia vita.

Wright ha invitato tutti a non nascondersi ed accettare con naturalezza la propria omosessualità per scongiurare il pericolo che altri giovani come Seth Walsh (morto a soli 13 anni) possano togliersi la vita perchè non stimato dai propri coetanei.

Leggi ora  Manchester: primo matrimonio gay con rito ebraico