Bergamo: il sindaco vieta la mostra Baci Rubati

di Sebastiano 1

Il Consiglio Comunale di Bergamo non ha concesso l’autorizzazione necessaria per l’allestimento della mostra fotografica, Baci Rubati, al Quadriportico del Sentierone, in occasione della Giornata mondiale contro l’omofobia in programma il 17 maggio. Così commenta la decisione, Franco Tentorio, il sindaco della città

Abbiamo valutato le richieste in modo approfondito e concesso il patrocinio a un convegno. Ma la mostra ci preoccupava: sulla base della presentazione degli organizzatori ci è sembrato che i contenuti fossero troppo forti. L’allestimento in pieno centro ci è sembrato inopportuno. Abbiamo posto attenzione alla sensibilità di bambini e anziani.

Non ci sta l’Arcigay di Bergamo, che nelle parole del presidente Luca Pandini esprime la chiara volontà di esporre le opere fotografiche in un luogo chiuso

La mostrà si farà comunque, ma non all’aperto. Il nostro obiettivo era quello di dimostrare che certe immagini sono del tutto legittime e nient’affatto indecorose. La giunta, che già aveva concesso il patrocinio per un dibattito e l’autorizzazione a uno spettacolo, sempre nell»ambito dell’iniziativa contro l’omofobia si è irrigidita sulle fotografie, dando dimostrazione di intolleranza. Volevamo solo dimostrare la normalità dell’affetto tra omosessuali, attraverso le fotografie di baci omosessuali, ma anche di effusioni tra uomini e donne, madri e figlie e persone anziane.

Interviene al dibattito anche Paolo Patanè, Presidente nazionale dell’Arcigay

Il sindaco di Bergamo faccia un passo indietro e si renda conto che censurare un bacio equivale a criminalizzarlo e di conseguenza a discriminare e violare quegli affetti e relazioni omosessuali a cui la Consulta ha da poco riconosciuto dignità costituzionale. Il gesto quindi è molto grave e ci aspettiamo che l’Amministrazione voglia porvi subito rimedio.

La mostra sarà allestita il 16 e 17 maggio nei locali del Mutuo Soccorso di Bergamo e all’Auditorium di Piazza della Libertà assieme ad altre iniziative sorprendenti.

Commenti (1)

  1. La mostra fotografica NON è di Arcigay ma di Bergamo contro l’omofobia, comitato formato da giovani tra i 16 e 25

    che, grazie ai contatti con Arcigay e Arcilesbica, ha avuto questa opportunità. Mi sembra importante evidenziare come ci sia movimento e azione tra i giovani, al di fuori delle associazioni che hanno ben altri fondi e organizzazione.
    Se vi interessa sapere di più di noi, visitate il nostro blog. http://bergamocontrolomofobia.wordpress.com/
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>