Arabia Saudita, uomo arrestato per omosessualità praticata tramite Facebook

Home » GLBT News » Arabia Saudita, uomo arrestato per omosessualità praticata tramite Facebook
Spread the love

Arabia Saudita, uomo arrestato per omosessualità praticata tramite Facebook GLBT News Omofobia Primo Piano

Il primo ministro britannico David Cameron ha visitato l’Arabia Saudita e gli attivisti lgbt si sono mostrati preoccupati per la sicurezza di un uomo trentenne arrestato dalla polizia religiosa del paese orientale a causa dell’utilizzo di Facebook da parte dell’uomo per conoscere altri uomini.

Il trentenne (il cui nome non è stato reso noto) è stato arrestato il 23 dicembre 2011 ed è detenuto in custodia cautelare a Dammam, presso il dipartimento di polizia e in attesa di prosecuzione da parte dell’ufficio del Procuratore generale di Dammam.

Il caso è stato segnalato ad Amnesty International, mentre Facebook ha rifiutato di commentare.

In Arabia Saudita, le punizioni per l’omosessualità vanno dalle pene detentive alla fustigazione, fino alla pena di morte, tutto dipende dalla gravità dell’atto illecito e dalla classe sociale, religione e cittadinanza degli imputati: i lavoratori immigrati non occidentali ricevono un trattamento più duro, rispetto alle classi abbienti di cittadini sauditi.

Questo è il primo caso conosciuto per pratica dell’omosessualità tramite Facebook e in Arabia Saudita non è previsto il diritto alla privacy.

Photo Credits | Getty Images

 

Leggi ora  David Cameron pubblica un video contro l'omofobia