L’OMS contro la cura dell’omosessualità

di Giada Commenta

L’Organizzazione Panamericana della Salute (OPS), una sezione rappresentativa dell’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) in America del Nord e del Sud, ha inviato un comunicato a tutti i mezzi di comunicazione condannando i gruppi religiosi e sociali che si propongono di “curare” l’omosessualità.

Mirta Roses Periago, Presidente della OPS, ha commentato il problema:

Queste terapie violano i principi etici e i diritti umani protetti da accordi internazionali e regionali. L’omosessualità non è una malattia e non richiede alcuna cura, tanto che non esiste una terapia medicinale da seguire per cambiare l’orientamento sessuale di un uomo o una donna. Le pratiche mediche antiomosessualità possono essere dannose e rappresentare una minaccia per il benessere psicofisico delle persone.

L’invito della OMS, unito a quello delle organizzazioni omosessuali, è di denunciare gli atteggiamenti omofobi delle società mediche e religiose che rinnovano offerte e occasioni di incontri pubblici. Il prossimo in arrivo sarà l’appuntamento con lo scrittore Richard Cohen e il vescovo Juan Antonio Reig Plá che offriranno soluzioni per l’omosessualità e cure innovative.

Photo Credits | Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>