Tracy Morgan cerca di spiegare le battute sui gay al David Letterman Show

di Felix 1

La stella della serie tv 30 Rock Tracy Morgan ha recentemente colto l’occasione di un intervista al Late Show di David Letterman sulla Cbs (in Italia la trasmissione è in onda in replica su Rai5), per spiegare quello che lui ha definito un grosso malinteso: nel mese di giugno, Morgan lasciò il pubblico di Nashville sotto shock quando ha detto che se suo figlio fosse stato gay l’avrebbe pugnalato.

Nella stessa occasione Tracy ha anche dichiarato che “Dio non fa errori” e ha aggiunto che i gay non dovrebbero lamentarsi di “qualcosa di così insignificante come il bullismo“.

Dopo il suo sfogo, Morgan ha intrapreso un blitz pubblicitario per mostrare il suo pentimento e ha visitato un centro di accoglienza a New York per i giovani gay, ma dall’intervista raccolta Morgan appare più preoccupato di spiegare il modo in cui il suo stile sia comico, una volta reso “comprensibile”.

Alla fine sono un comico, cerco di usare il dono che Dio mi ha dato per aiutare il mondo, per guarire il mondo, non fare del male a nessuno. Sono stato ferito da questa vicenda perché la gente è venuta allo spettacolo contrariate e depresse, per questo chiedo scusa.

Morgan ha anche detto che il pubblico dovrebbe essere consapevole che chiunque può essere obiettivo di satira. Ma più che professionismo, qui si tratta di scherno:

Vedo la gente a volte che arriva con i telefoni cellulari, proprio lì, e devo avvertirli che, quando si arriva in un comedy club, si arriva in un posto dove si può prendere in giro tutto ciò che accade fuori da lì.

Se questa è arte… Qui di seguito è possibile riguardare il video della celebre testata di gossip TMZ, che già mesi fa aveva trattato dello scarso umorismo degli spettacoli di Tracy Morgan.

 

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>