Rugby: l’arbitro Nigel Owens testimone di cori omofobi sul campo

Home » Cultura Gay » Rugby: l’arbitro Nigel Owens testimone di cori omofobi sul campo
Spread the love

Rugby: l'arbitro Nigel Owens testimone di cori omofobi sul campo Cultura Gay L’arbitro di rugby, Nigel Owens, è stato recentemente chiamato a testimoniare dalla polizia per abusi omofobici nel corso di una partita di premiership tra Llanelli and Neath. Nel corso dell’incontro, un fan avrebbe inveito contro i giocatori usando espressioni al quanto omofobe (Fonte South Wales Post):

E’ la prima volta in tutta la mia carriera che mi è successo una cosa del genere: lo stadio era abbastanza vuoto e tutti hanno sentito gli appellativi rivolti ai giocatori in campo. Ho passato sei ore a parlare con un giocatore di rugby molto giovane che stava pensando di togliersi la vita proprio perché sentiva che non poteva affrontare pubblicamente il coming out.

Da diversi anni, l’arbitro sta sostenendo una campagna per prevenire i suicidi maschili frutto della pressante omofobia presente in Gran Bretagna. L’uomo ha documentato in un filmato la sua lotta con la depressione e ha ammesso che ha cercato di uccidersi all’età di 26 anni per i continui pregiudizi sulla sua persona.

Leggi ora  Europride 2011, Raffaella Carrà: "La libertà sessuale è un sacrosanto diritto"