Papa Ratzinger: “I gay sono peccatori da rispettare”

Home » Cultura Gay » Papa Ratzinger: “I gay sono peccatori da rispettare”
Spread the love

Papa Ratzinger: "I gay sono peccatori da rispettare" Cultura Gay Esce oggi, Luce nel mondo, il controverso libro-intervista di Benedetto XVI, scritto con il giornalista tedesco Peter Seewald, riprendendo i passi salienti di discorso pronunicato a Ratisbona nel 2006. Tra i tanti temi trattati dal Santo Padre, spicca la sezione dedicata alla “piaga  planetaria” dell’omosessualità:

L’omosessualità rimane qualcosa che e’ contro la natura di quello che Dio ha originariamente voluto. Se qualcuno presenta delle tendenze omosessuali profondamente radicate – ed oggi ancora non si sa se sono effettivamente congenite oppure se nascano invece con la prima fanciullezza – se, in ogni caso, queste tendenze hanno un certo potere su quella data persona, allora questa è per lui una grande prova, cosi’ come una persona può dover sopportare altre prove.

Il Pontefice sembra voler aprire uno spiraglio, tendere una mano a tutto i gay del mondo:

I gay non devono essere discriminate perché presentano quelle tendenze. L’omosessualità non è conciliabile con il ministero sacerdotale, perche’ altrimenti anche il celibato come rinuncia non ha alcun senso.

Leggi ora  Monsignor Antonio Vacca: "I gay? Pochi, malati e anormali"